logomemorialsenzatesto
logopaternesi
logopennagramma

MEMORIAL MARIANO VENTIMIGLIA

XVI EDIZIONE

TU CHE DI QUELLE STELLE

2020-12-04 15:36

author

Scritti, Poesie, Poesia, Poesie, Tu che di quelle stelle, Dario Scardaci,

TU CHE DI QUELLE STELLE

Poesia di Dario Scardaci

tuchediquellestelle-copertina-1607092418.jpg

Rimangono sospese parole nel cobalto d'Estate,

i pensieri salivano alle stelle,

e non facevano ritorno,

tornavano solo sorrisi,

e i tuoi erano i più belli,

riuscivano a dimenticare il buio dalle mie forme,

a dar più spazio all'universo, a creare altre stelle.

 

E si lamenta ora il cielo a un firmamento di nuove stelle,

si lamenta il vento che mi vortica le bouganvillee intorno,

fino a posarmene una sul palmo,

si ammalia l'onda a lambire la sabbia.

Ma intanto aspetto qui l'ora che si veste di notte, mi tinge diverso,

e ti colora d'argento sul mare.

Rimangono le stelle a fissarti,

e finché non alzerai il viso,

non potranno mai vedere i tuoi occhi,

gli stessi che preferivo già vedere l'indomani.

 

Non ti vedono le stelle,

piangono come angeli,

tengono a fatica la Luna,

e la adagiano dietro il cielo tra lenzuola di seta.

 

Sono stanche le stelle,

il loro conforto più lieto è di aspettarti d'esser guardate alla fine di un tramonto.

 

Dormono ora le stelle,

sulle nuvole dei miei pensieri.

Dormono.

E aspettano te.

Svegliale.

Tu che di quelle stelle avevi preso la nostalgia,

per dare in cambio a loro la mia.

 


email: dario.scardaci@libero.it

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder